23 aprile 2017

Giornata Mondiale del Libro e delle Rose, storia e tradizioni legate alla ricorrenza del 23 aprile

La Giornata Mondiale del Libro e delle Rose è l'evento del 23 aprile che ha per oggetto la celebrazione della cultura in forma scritta. Scrittori, lettori ed editori di tutto il mondo si riuniscono nel ricordo della scomparsa di tre degli autori più influenti di sempre (Shakespeare, de Cervantes e de la Vega), cogliendo l'occasione per rendere omaggio alla lett(erat)ura. L'offerta di case editrici, circoli culturali e librerie è ampia: c'è chi partecipa forum e conferenze, chi si prenota per flash mob e spettacoli, e ancora chi preferisce approfittarne per sbrogliare la propria reading list.
La prima edizione della GMLR si è tenuta 21 anni fa, nel 1996, per volontà dell'Unesco. Lo scopo dichiarato era quello di far avvicinare le persone alla cultura – e al culto – dei libri, promuovendo spazi inediti di lettura e condivisione.

Al contrario delle premesse, però, la data non fu scelta solo per via di una serie di sfortunate coincidenze. In questo stesso giorno, in Catalogna, si officiava già un evento dedicato al libro, peraltro in concomitanza con la festa di San Giorgio (Sant Jordi). La data fissata era in origine il 7 ottobre, ma il sovrano Alfonso XIII volle che si tenesse nel giorno dedicato al Patrono: nacque così la Giornata Mondiale del Libro e delle Rose.

La seconda dicitura ("delle Rose") è giustificata dal fatto che in questo giorno le donne catalane sono solite ricevere in dono dei fiori, nel rispetto di un'usanza che si rifà ancora una volta alla storia del Santo. Secondo la leggenda, le rose sarebbero sbocciate dal sangue sgorgato dalla ferita del drago ucciso da Giorgio. È per questo che oggi i librai di tutta la Catalogna regalano una rosa per ogni testo venduto.

Tornando in Italia, gli eventi a cui partecipare per vivere appieno il 23 aprile sono tutti davvero interessanti. Si parte da Milano con Tempo di Libri, nel suo ultimo rush pre-chiusura, per finire a Matera, la Capitale Europea della Cultura 2019 che si attrezza per ospitare uno stand al SalTo 2017. Un dibattito dal tema "Oltre il confine" avrà luogo nell'imponente biblioteca provinciale "T. Stigliani".